Ferragosto in Sila

      Nessun commento su Ferragosto in Sila

Come promesso eccomi qua’ con il primo post sui miei itinerari in Calabria.

Per questo primo itinerario ho scelto l’ultimo giretto che io e Giovanna abbiamo fatto il 15 agosto di quest’anno, Quindi fresco fresco.
Infatti, abbiamo deciso di passare il ferragosto a Lorica forse, sul più bello dei tre laghi della Sila. Lorica si trova sulle sponde del lago Arvo a 1278
boschi di pini.
Come tutti sanno, queste zone sono state da sempre una riserva di legname a cui attingevano già gli antichi sibariti che dalle sponde dello Jonio si inoltravano all’interno per rifornirsi di assi, travi e alberi per le loro navi. Il paesaggio non è cabiato molto da allora eccezion fatta per la costruzione delle tre dighe che hanno dato vita ai tre laghi. Arvo, Cecita ed Ampollino.
Dunque io sono partito da Frascineto (CS) per Lorica facendo una deviazione per Acri per passare a prendere Giovanna e Angela. Il percorso che descriverò è dunque non quello “ideale”. Infatti per chi proviene dalla Salerno-Reggio Calabria conviene uscire allo svincolo di Cosenza Nord – Rende ed imboccare la SS??? Silana Crotonese che in pratica attraversa tutta la sila. Io invece sono uscito due svincoli prima a Torano Bisignano. Le informazioni del seguente percoso sono state recuperate tramite il gestore di mappe www.mapporama.com

All’uscita dallo svincolo Torano-Bisignano

  1. Girare a destra per 190 m;
  2. Proseguire per Ss660 per 6 km;
  3. Arrivati nella parte bassa Bisignano girare a sinistra, proseguire per Via Foresta per 710 m e poi girare a sinistra, Proseguire per Via Degli Ulivi per 2 km;
  4. Arrivati a Bisignano seguire le indicazioni per Acri (Ss660) per 10 km

Dopo 10-11 Km di curve interminabili si intravede la “ridente” citta’ di Acri, adagiata su una conca a quasi 700 metri s.l.m.. Quì nel mio caso mi aspettano le mie due gioie e cioè Giovanna e Angela.
Ad Acri, è possibile visitare la cattedrale del Beato Angelo ma, se si ha intenzione di passare la giornata su fra i monti e meglio proseguire: la strada è ancora lunga.
Mancano ancora 25 km per arrivare in Sila sul lago Cecita in localita’ Cava di Melis sempre proseguendo sulla SS 660. Non potete sbagliarvi visto che sono presenti un pò dappertutto indicazioni per la Sila. Da qui’ in avanti inizia uno dei panorami più belli che possa offrirvi la Sila. Si costeggia il lago Cecita in mezzo ai boschi, passando presso la sede del Parco Nazionale della Calabria fino a Camigliatello (frazione di Spezzano Sila). Nel caso non siate armati potreste fermarvi in paese. Lungo il corso ci sono alcune salumerie dove è possibile fare la spesa assaporando il prodotti tipici del luogo e cioè: Soprersate, capicolli, pancetta, prosciutti, caciocavallo silano, scamorza, mozzarelle, funghi, sottoli e sott’aceti di tutti i tipi e altre leccornie nostrane ad una modica cifra se paragonate a certi prezzi del nord Italia per prodotti che non sono nemmeno paragonabili. Tra l’altro ricordate che gli inventori del caciocavallo sono stati i silani e questo formaggio non ha niente a che fare con quello dei supermercati che sa’ solo di sale.

Io a ferragosto per fortuna ero armato. Ci hanno pensato Giovanna e Angela col loro cestino magico.

Da questo momenti in poi la strada è molto semplice, infatti da Camigliatello passa la SS177 che da Cosenza va’ a Crotone, basta imboccarla in direzione San Giovanni in Fiore e dopo una 15ina di km svoltare a destra seguendo le indicazioni per Lorica.
Arrivati a Lorica c’è l’imbarazzo della scelta. Si può visitare il centro, lungo il corso e/o il lungolago. Io vi consiglio di starvene alla larga se accompagnati da donne. Potreste passarci la giornata cercando una collanina o un posacenere. Infatti, è tutto pieno di negozietti e bancarelle (almeno nei giorni di festa). Cmq se vi interessano le sopressate e il caciocavallo vale lo stesso discorso di Camigliatello.
Io invece, ho proseguito più in la’ dove, alla fine del paese proseguendo sulla statale guardando verso il lago è possibile trovare un luogo per un pic-nic in riva al lago. Noi a ferragosto non abbiamo trovato nulla, tutto occupato quindi, siamo andati lungo la strada che porta alla seggiovia e abbiamo trovato un bel posto dove fare un pic-nic.
Eccovi alcune foto.

Nei pressi dell’impianto di risalita vi è un grande piazzale dove chi vuole divertirsi può fare un giro sul bob e far giocare i bambini (se ce li ha) su uno scivolo percorso da un gommone. Ma la vera attrativa è secondo me la seggiovia. L’impianto porta ai 1870 metri sulle pendici del Botte Donato, il monte più alto della Sila. Non so ma quasi certamente in cima d’inverno ci saranno le piste da sci. Io, vinta la resistenza di Giovanna ho voluto provare a salire. All’inizio il panorama è ristretto dagli alberi poi a meta percorso si vede il lago Arvo in lontanaza e nei pressi della cima anche il lago Cecita. Da la sù si può ammirare uno dei boschi più grandi d’italia. La cosa più bella secondo me é l’impressione di natura incontaminata. Infatti, girando a 360 gradi lo sguardo non si intravede quasi nessun segno del passaggio dell’uomo. Non una strada, non un traliccio elettrico, non una croce sulla cima di una montagna. Speriamo che rimanga tutto così. Salendo abbiamo poi scoperto che si può arrivare sul Botte Donato anche comodamente in macchina su una bella strada asfaltata seguendo la deviazione a destra prima di Lorica e indicata come Sentiero delle Vette. Spettacolo straordinario.
Bhe, oramai e’ sera e al nostro ritorno a Lorica si stava preparando la processione sul lago della Madonna dell”Assunta. Purtroppo è tardi e noi preferiamo tornare a casa ma, un atttimo di follia ci prende e decidiamo di visitare San Giovanni in Fiore, la capitale della Sila. Velocemente visitiamo l’esterno dell’abbazia di Giovanni da Fiore ma, è buio ormai e riprendiamo il percorso del ritorno lungo la stessa strada dell’andata.

La nostra terra ha anche delle indubbie bellezze sovranaturali, e cioè “Mari e Muntagni”

Dopo un lungo periodo di mancanza di aggiornamenti, eccomi quà.

Oggi è il 16 agosto il giorno dopo ferragosto e mi rimane ormai ancora una settimana di vacanza mentale poi, anche se fino al 11 settembre, le scuole in lombardia sono chiuse, sicuramente comincerò già a non essere più tranquillo. Io che ho scelto di fare l’insegnante per avere tempo libero da dedicare ai fatti miei, sarò completamente assorbito dalla scuola. A settembre bisogna cercare casa a Brescia, inizia il tram-tram mattutino a scuola e sopratutto, tutti i pomeriggi dal lunedì al venerdì (15:00-20:00) ed il sabato mattina (10:00-16:00) sarò all’Università di Bergamo per seguire i corsi abilitanti A020. Questo presumibilmente fino ad aprile quando ci sarà l’esame finale. Il tutto al modico costo di iscrizione di 2500 euro. L’italia che paese di m…a. Abbaso Italia, paese di imbroglioni. Comunque intendo comunicarvi che presto seguirà una serie di post riguardanti alcuni itinerari turistici-gastromonici-paesaggistici fatti da me in Calabria (provincia di Cosenza) e Basilicata (zona parco nazionale del Pollino), da quì il titolo del post, da una famosa frase dell’Onorevole Cetto La Qualunque alias Antonio Albanese. Infatti in questi giorni cercando su internet qualche itinerario da fare nel territorio della provincia di Cosenza per il ferragosto (ieri): nisba. I siti di tante associazioni, enti statali e cani schifossi vari solo parole sanno fare, su internet e nel mondo reale. Nessun servizio che indicasse itinerari, percorsi da fare, posti in cui fermarsi ecc.. Per questo motivo ho deciso di mettere online le mie piccole gite di un giorno con gli itinerari, i percorsi e un pò di racconto, di modo che chi volesse avere uno spunto possa, in base alle mie esperienze, ricalcare qualche percorso e adattarli alle sue esigenze. Niente di professionale, tanto più che si tratta di un blog e che quindi i post col susseguirsi andranno a finire in basso nel blog, seguendo ovviamenete l’ordine cronologico tipico di questo modo di comunicare. Magari se aumenteranno le visite si potrebbe pensare di aprire un blog apposito che si potrebbe chiame: “Mari e Muntagni”
Intanto posto qualche foto del ferragosto 2006 che io, Giovanna e Angela( la sorella di Giovanna) abbiamo trascorso a Lorica sui laghi della Sila.

Image gallery of Montemurro’s wind farm.

I’m proud to annunce some new link on my blog.
On the sidebar now you can connect to my web gallery at:
Montemurro windfarm
at this link you can find a photo gallery of my visit to Montemurro’s wind farm in Italy on agoust 31, 2004.
Other link links to:
Tevac
Italian mac comunity site
Macitynet
Mac news every day
ilmac
Daily updated news

Now it’s possible to subscribe xml atom feed of this site directly on thi page.
Click with right button at red XML button on the left side and copy link to your prefered news aggregator.
Personally I use Netnewswire. Best news aggregator for mac. If you use win 🙁 and don’t have a news aggegator , you can find and test it at Versiontracker.

Enjoy

In italian.
Sono felice di annunciare l’aggiunta di nuovi link nel mio blog.
Sulla sidebar ora è possibile connettersi alla mia galleria foto sul web al seguente link:
My web photo gallery
presso questo link è possibile trovare la galleria fotografica dell’impianto eolico di Montemurro in Italia scattate il 31- agosto del 2004.

Gli altri link portano a:
Tevac
Sito della comunità mac italiana
Macitynet
Notizie mac aggiornate giornalmente
ilmac
altre notizie mac aggiornate giornalmente

Adesso è anche possibile sottoscrivere il feed xml di questo sito direttamente su questa pagina. Clicca col tasto destro del mouse sul bottone rosso con la scritta XML e copia il link sul tuo aggregatore di news preferito. Personalmente uso Netnewswire. Il miglior news aggregator per Mac. Se invece usi Windows 🙁 e non hai un aggregatore di news, puoi trovarne uno e testarlo presso Versiontracker.

Divertiti

Sulla reale situazione dell’industria dell’eolico

Da NewEnergyReport.org del 12/06/05 06:22

Status of wind-power and solar-power companies depends on government incentives
Wind is becoming a cost-competitive source of electricity, and makers of wind turbines like Vestas Wind Systems and Gamesa are doing well. Wind-power development depends on a production tax credit renewed every year, so when the credit is on, development booms; if the credit is off, development shuts…

Questa purtroppo per oggi e la realtà dei costruttori di turbine.
Qualche giorno fà discutendo sulla reale fattibilità di un impianto un collega si lamantava dei costi troppo alti di istallazione degli impianti che rendono sconveniente o non molto remunerativo un’investimento in questa direzione. I costruttori a sentir loro giustificano i costi delle loro macchine (1000000 di euro a MW istallato)
con gli alti costi di ricerca. Comunque ignoravo che prendessero anche i soldi dallo stato.
Angelo hai proprio ragione:
“ma quanto costano al kg queste turbine?”